LE FRISELLE.

LE FRISELLE

 Le friselle o frise sono un pane secco a forma di ciambella di origine Pugliese. Sembra che la loro storia sia antichissima risale ai tempi delle Crociate, chi partiva da queste terre del Sud Italia per recarsi in Terra Santa, portasse con se questa specialità. Si conservava molto meglio del pane per la sua doppia cottura, leggera e facilmente trasportabile, per chi era costretto a un lungo viaggio, (come i biscotti del lagaccio anche loro doppia cottura adatti per una lunga conservazione e poco ingombro). Le bagnavano con l’acqua del mare e le condivano con olio d’oliva. Oggi le friselle o frisèddha in dialetto, hanno un altro significato. Un piatto fresco, leggero, veloce da preparare, si inumidiscono con poca acqua, possiamo realizzarle nella versione classica, condite semplicemente con pomodorini, olio extravergine di oliva, sale e origano, ma possiamo anche dare spazio alla fantasia e al vostro gusto, comunque sia sarà il piatto che vi accompagnerà per tutta l’estate.

 

 

Ingredienti per 7/8 friselle da 90/100 g ;

160 g di farina integrale setacciata
140 g di farina 0
100 g di farina di semola
100 g di li.co.li
210/220 g di acqua
6 g di malto d’orzo
8 g di sale

Oppure realizzare le friselle con:
300 g di farina 0
200 g di semola rimacinata di grano duro
10 g di lievito di birra
8 g di sale
6 g di malto d’0rzo
290 g di acqua

 

Procedimento;

Setacciare le farine con il malto.

Aggiungere nella ciotola dell’impastatrice il li.co.li, (stessa procedura con il liavito di birra sciolto nell’acqua)200 g di farine setacciate e 100 g di acqua e con la foglia amalgamare gli ingredienti. Coprire la ciotola e lasciare riposare l’impasto per almeno 30 minuti.
Terminato il riposo aggiungere le restanti farine, l’acqua e in fine il sale.

Togliere la foglia e con il gancio impastare fino a che l’impasto non si aggrappera al gancio. Trasferire l’impasto sul piano di lavoro, formare una palla, appiattirla e fare una serie di pieghe, coprire e far riposare per 30 minuti poi ripetere un’altra volta le pieghe e trasferire l’impasto in una ciotola unta di olio. Coprire la ciotola con la pellicola. A questo punto possiamo far lievitare l’impasto portandolo al raddoppio, oppure trasferirlo in figorifero per 10 ore, poi toglierlo e farlo raddoppiare a temperatura ambiente, ci vorrano circa 4 ore a 28°C. (con il lievito di birra i tempi delle lievitazioni saranno molto più brevi)A raddoppio avvenuto trasferirlo sul piano di lavoro, suddividerlo in pezzature di 90/100 g l’una, fare dei filoncini e chiuderli formando delle ciambelle. Posizionarle su la placca rivestita di carta da forno coprirle  e farle lievitare, ci vorranno circa 2 ore.
Cuocere a 200°C per circa 20 minuti nella parte centrale del forno.Sfornare e farle raffreddare su una gratella. Dividerle a metà e ricomporle su la placca, infornarle nuovamente a 180°C per circa 20/30 minuti facendole biscottare e fino a che non saranno colorite e dure.

Bagnare le firiselle con due cucchiai di acqua o quanto ne serve per inumiderle.
Preparare il condimento, spezzettare i pomodorini, condirli con olio extravergine di oliva, sale e origano. Distribuirli sopra la frisella bagnata, aggiungere a piacere, cipolla, mozzarella, capperi, olive ecc ecc. Qualunque sia il condimento saranno buonissime.

Vi aspetto per la prossima ricetta…

(Visited 183 times, 1 visits today)

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>