II MIO PANE TOSCANO CON FARINA GRAN PRATO

il pane | 15 Luglio 2014 | By

Io cliente del Mulino Bardazzi, recandomi ad acquistare la farina per i miei percorsi di panificatrice casalinga ho chiesto informazioni su questa farina e grano Gran Prato, avendo letto di questa notizia ero curiosa di saperne di più.

 

Marco Bardazzi molto gentilmente mi ha dato tutte le informazioni, il suo mulino era l’unico che macinava questo grano ma che ancora
non era in vendita, aveva iniziato a macinare proprio in quei giorni.
Gli ho chiesto se era possibile averla solo per provare, e molto cortesemente mi ha concesso questo onore.

E’ stato amore a prima vista con questa farina, solo a pensare che è
un grano coltivato vicino a casa e macinato da un mulino di fiducia per
me e stata una meta importante.

E poi tanta soddisfazione nel panificare con risultati eccellente un  pane fragrante e profumato ricordi di
un tempo che fu.

Grazie Gran Prato
Grazie Marco Bardazzi

Ingredienti
per il Poolish

50 g di acqua minerale naturale
50 g di farina 0 Gran Prato
5 g di lievito madre

per l’impasto
 

300 g di farina 0 Gran Prato
200/210 g di acqua minerale naturale
90 g di lievito madre rinfrescato

La sera precedente preparare il Poolish in una piccola
ciotola con; 50 g di acqua,(se l’acqua del vostro acquedotto
ha una dose eccessivo cloro, preferite acqua minerale naturale, per
avere un risultato migliore del vostro pane) 50 g di farina 0 Gran
Prato, 5 g di lievito madre attivo.

 

Sciogliere il lievito madre nell’acqua aggiungere la farina
setacciata e mescolare bene, il risultato sarà di una pastella un
po’ morbida.

 

Coprire con la pellicola e lasciare lievitare fino al mattino.
 

Rinfrescare anche la pasta madre; 40 g pasta madre, 40 g di farina 0 Gran Prato, 20 g di acqua.

Sciogliere bene il lievito nell’acqua, ottenendo una crema senza
grumi, aggiungere la farina, impastare bene formare una palla e mettere a
lievitare fino al mattino coperta con la pellicola in una
piccola ciotola.

 

Al mattino (circa le 7) mettere in una ciotola capiente la pasta
madre spezzettata, il Poolish e metà acqua, sciogliere bene il tutto e
incominciare ad aggiungere la metà della farina setacciata, sempre
mescolando con la spatola o con la mano, aggiungere la restante acqua,
tutta la farina e impastare.

 

Rovesciare l’impasto su di un piano infarinato e continuare a
impastare senza stressare troppo l’impasto, come vediamo nelle foto
ottenendo un impasto omogeneo.
 
 
Formare una palla appiattirla delicatamente e fare le classiche
pieghe di rinforzo, coprire a campana e lasciare riposare per 1 ora.
Trascorso il tempo di posa, sgonfiare delicatamente e formare il
pane, come da foto, mettere a lievitare in un cestino con un
canovaccio o sempre in un cestino su carta da forno, oppure come ho fatto
io, sopra un piano di lavoro con il telo da fornai che mi ha fornito
l’amico Marco Masini maestro panificatore, avendo cura di mettere lateralmente due mattarelli
in modo che in lievitazione il pane non perda la sua forma, qualsiasi
soluzione scegliete la base dove appoggiate il pane formato deve essere
ben infarinata.
 
 

Infarinare bene sopra tutto il pane,coprire con un canovaccio e far lievitare, trascorso il tempo circa 2 ore, 2 ore mezzo, come si vede nelle foto il pane e pronto per essere infornato quando sopra si formeranno tante crepe.

 

Ribaltare l’impasto sulla pala infarinata con le crepe sulla parte
superiore(su carta da forno,infornare direttamente con la
carta).
Infornare a 250°direttamente sulla placca calda posizionata sulla
parte bassa del forno, per 15 minuti con vapore se si ha questa
funzione,oppure posizionare quando accendiamo il forno un pentolino con
l’acqua in modo che quando inforniamo, il pane troverà la giusta umidità
evitando cosi la formazione immediata della crosta e l’aiuterà
nell’ulteriore lievitazione in cottura.

 

Trascorsi i primi 15 minuti,eliminare il vapore e continuare la
cottura per altri 15 minuti sempre a 250°,poi togliere la placca e
lasciare il pane gli ultimi 15 minuti sopra la grata del forno avendo
cura di abbassarlo a 230° e terminando cosi la cottura.

 

Per quanto riguarda la cottura e i tempi variano da forno a forno, a
me piace il pane cotto bene, le mie sono indicazioni che spero  vi diano
il risultato che desiderate.
 
 
 
 
(Visited 2.351 times, 1 visits today)

Comments

  1. Leave a Reply

    Claudia
    8 Aprile 2016

    Complimenti per il tuo bellissimo sito e le buonissime cose che sai fare!
    Grazie a te ho fatto un pane buonissimo…….e domani provo con la pizza veloce!

    • Leave a Reply

      minaelesuericette
      9 Aprile 2016

      Grazie a te per aver fatto visita al mio blog, spero che tu abbia avuto buoni risultati anche con la pizza eventualmente fammi sapere. Grazieee

  2. Leave a Reply

    Claudia
    12 Aprile 2016

    La pizza era veramente ottima!!!!! Ti ringrazio ancora…….dopo tanti esperimenti finalmente una pizza come dico io!!!

    • Leave a Reply

      minaelesuericette
      8 Maggio 2016

      Scusami ma solo ora mi è apparso il tuo messaggio non capisco come mai, grazie per aver provato la ricetta della pizza e mi fa piacere che sia stata di tuo gradimento.

    • Leave a Reply

      minaelesuericette
      8 Maggio 2016

      Grazie per l’invito spero di partecipare

  3. Leave a Reply

    SILVANO
    2 Maggio 2020

    Vorrei conoscere la ricetta usando ldb fresco

    • Leave a Reply

      minaelesuericette
      2 Maggio 2020

      Questa ricetta è nata così, se vuoi fare il pane toscano con solo levito di birra, pui provare usarne 12 g ogni 500 g di farina

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>